venerdì 18 maggio ore 18
Circolo dei Lettori di Torino

Esempi e strumenti per città post-industriali

presentazione del libro di e con MATTEO ROBIGLIO edito da Jovis
con Licia Mattioli, imprenditrice, Ezio Micelli, Architettura costruzione conservazione Università di Venezia, Azzurra Muzzonigro, Waiting Posthuman Studio e Antonella Parigi, assessore Cultura e Turismo Regione Piemonte, modera Jacopo Ricca

Cambiando, l’economia ha lasciato fabbriche abbandonate, magazzini e banchine, spazi che non devono rimanere vuoti ma ripensati e riutilizzati in modo creativo. RE-USA fornisce un kit di strumenti per il riutilizzo adattivo basato su esempi pratici di progetti innovativi basati su partenariati pubblico-privato, iniziative dal basso, coinvolgimento della comunità e progettazione intelligente nonostante condizioni difficili come i valori immobiliari deboli e gli scarsi investimenti.  Guardando ai diversi modi in cui diverse grandi città post-industriali degli Stati Uniti hanno affrontato queste sfide, l’architetto Matteo Robiglio sviluppa una procedura in otto fasi per il lavoro di riutilizzo adattivo.  Con case histories a New York (High Line, Brooklyn Bridge Park), Philadelphia (Urban Outfitters a Navy Yard, Onion Flats), Washington, DC (Union Market), Pittsburgh (Ohiopyle, Monongahela, Piazza del panificio, Penn Street, Keystone Commons ), Chicago (The Plant, 606, Rebuilding Exchange) e Detroit (quartier generale di Shinola, Slow BBQ, Eastern Market, Russell, Packard, Charlie O’Green), RE-USA offre ispirazione e guida su come le città possano usare i loro lasciti industriali per un futuro innovativo.

Advertisements